Giro della “busa” – bici da corsa

La “busa” è il nome dialettale per indicare la valle del Sarca, “busa” perchè è una conca.

Il giro proposto è molto semplice adatto a tutti con poco dislivello. Si parte dalla piazza III Novembre, la piazza principale di Arco. Con la chiesa alla nostra sinistra, prendiamo via Vergolano, altra storica via di Arco. Si pedala tra i palazzi storici, alla vostra destra trovate il ristorante la Lega, dove potete assaporare pietanze tipiche della zona. Si arriva alla fine di via Vergolano, si gira a sinistra. Si scende e una volta giunti allo stop, si gira a destra. Vi trovate a pedalare ora su strada aperta al traffico quindi pedalate in fila indiana e mantenetevi a destra. Raggiunta la rotonda dove alla destra trovate l’ospedale di Arco, si prosegue diritti e ci si mantiene sempre sulla strada principale, dopo un breve strappo si affronta un tratto pianeggiante per poi girare a destra e seguire le indicazioni per il Santuario Madonna delle Grazie. Si sale, si aggira il santuario e ci si trova a pedalare tra i vigneti, si raggiunge la piccola frazione di Ceole, dove si gira a sinistra. Si scende e mantenendovi sempre sulla strada principale si arriva allo stop, dove si gira a destra, quindi dopo un centinaio di metri, si gira a sinistra in via della Sega. Seguendo la strada vi trovate nella piazza di Varone dove trovate un bar. Si gira a sinistra, quindi dopo poche decine di metri si gira a sinistra, la strada costeggia un fiumiciattolo, andate sempre diritti, la strada termina e vi trovate a pedalare sulla pista ciclabile, protetta che costeggia sempre il fiumiciattolo.La ciclabile termina, si gira a destra e quindi a sinistra. Riprende la pista ciclabile che costeggia sempre il corso del fiumiciattolo. La ciclabile termina e vi trovate un semaforo a chiamata, molto comodo per attraversare la strada. Si attraversa e si riprende a pedalare, dopo un tratto pianeggiante, tratto in discesa quindi ancora pianeggiante fino ad arrivare al semaforo. Si attraversa la strada e si gira a destra. Si attraversa la strada e si gira a sinistra. Alla vostra sinistra trovate l’Agraria di Riva dove al suo interno trovate un negozio di prodotti tipici, mentre alla vostra destra un centro commerciale dove trovate un negozio di biciclette, Leoni Cicli. Merita una sosta Roberta e Massimo sono molto bravi e professionali. Si riprende a pedalare sempre sulla pista ciclabile per un tratto si costeggia la strada, quindi la pista ciclabile si stacca e ci si trova sopraelevati da dove si ha una bella visuale verso nord verso Arco e verso Est sul monte Brione e verso Ovest sulla zona di Tenno, che panorami. Si arriva ad uno stop e si attraversa la strada ci si ritrova sulla pista ciclabile e in fretta siamo al successivo stop. Si attraversa la strada principale e si seguono le indicazioni per la pista ciclabile. Si pedala in un parco pubblico con a destra un favoloso hotel, quindi la pista ciclabile gira a sinistra e si pedala su un percorso riservato solo alla bicicletta che scorre nel parco che si trova a poche decine di metri dal lago di Garda. Si raggiunge così il porto San Nicolò, si attraversa la zona e si riprende a pedalare sulla pista ciclabile che è davvero unica. Realizzata a sbalzo sul lago, bisogna fermarsi per vedere il lago e la vista a 180° gradi, da Torbole a Riva del Garda. Seguendo la pista ciclabile vi ritroverete alla foce del fiume Sarca. Si riprende la pista ciclabile e si sale costeggiando il fiume Sarca. La ciclabile scende e costeggia il fiume, io vi consiglio di andare diritti e di attraversare la strada. Attraversata la strada alla vostra sinistra trovate il Mecki, bar e negozio bici. Al bar sembra di stare a casa, si parla di bici, i proprietari sono stati tutti ciclisti di livello, dovete sicuramente mangiare un toast della Mary unico e inimitabile, così come dovete entrare nel negozio bike e fare due parole con Ivan, persona speciale, super competente nel settore bike e unico. Riprendiamo dopo la sosta ristoratrice a pedalare sulla pista ciclabile completamente pianeggiante, si costeggia il fiume Sarca, l’itinerario è tutto pianeggiante, si raggiunge la zona del campo sportivo di Arco. Raggiunto il campo sportivo, si pedala in via Pomerio fino alla fine quindi si costeggia l’ex oratorio di Arco per poi attraversare la strada sulle strisce. La chiesa è a 2 minuti da voi basta seguire la strada che si trova alla destra del parcheggio e vi trovate al punto di partenza.

Note: pedalata tranquilla poco dislivello adatta a tutti.

Da non perdere: Arco e i suoi monumenti, Santuario Madonna delle Grazie, Cascata del Varone, Riva del Garda, ciclabile lungolago, Mecki.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...