Riva Pregasina in bici da corsa

L’itinerario proposto, per chi conosce la zona, è un classico itinerario da fare in mountain bike per il fondo sterrato. Io voglio proporre ma soprattutto fare il tratto della “ponale” in bici da corsa. Il fondo del percorso della “ponale” è compatto e ci sono solo alcuni punti dove la pioggia accumula del ghiaino.

Si parte da Riva dalla piazza III Novembre, si seguono le indicazioni per Limone e prima della galleria si gira a destra e si sale a lato della galleria, per poi trovare sulla sinistra una strada con davanti una sbarra. Quì inizia la “ponale”. Dopo un breve tratto asfaltato si affronta la prima galleria e si passo dall’asfalto allo sterrato. Lo sterrato è uno sterrato molto compatto con presenza di pietre di piccole dimensioni. Si sale e sicuramente ci si fermerà a vedere il panorama circostante. Alla destra la parete verticale alla vostra sinistra il lago, merita una sosta e una foto l’ambiente. Si continua a salire sempre con una pendenza costante, si attraversano alcune gallerie, 2 hanno fondo sterrato, mentre le altre hanno il fondo asfaltato. Pedalando si arriva ad un punto dove lo sterrato termina e si trova l’asfalto, il tratto sterrato è finito. Si pedala su fondo asfaltato, si aggira una stanga per poi arrivare ad un bivio. Prima del bivio alla vostra sinistra trovate una costruzione, era un bar e quando la “ponale” era l’unica via di comunicazione tra la valle di Ledro e Riva del Garda era una tappa d’obbligo. Bar molto frequentato e con un panorama molto bello. Al bivio si gira a sinistra tratto pianeggiante si attraversa un ponticello dove sotto scorre il torrente Ponale che dal lago di Ledro sfocia nel lago di Garda con una bella cascata. Si gira a sinistra e si sale, la salita è costante, si sale tra tornanti stretti e tratti rettilinei, la fatica è appagata dal panorama. Salendo vi potete render conto come prima della costruzione del tunnel per la Valle di Ledro e il tunnel che ora conduce a Pregasina com’era la strada di accesso alla valle e all’abitato di Pregasina. Si sale fino ad arrivare sulla strada principale. Si gira a sinistra e dopo pochi metri alla nostra sinistra troviamo una statua, Regina Mundi. Merita una sosta per fare una foto alla statua ma soprattutto per ammirare il panorama sottostante. Di fronte a voi alla vostra sinistra la valle di Ledro la “ponale” affrontata prima e davanti a voi Riva del Garda a destra Torbole e Nago, il monte Brione che emerge tra Riva e Torbole sullo sfondo direzione Nord Arco. Che quadro. Si riprende a salire si sale e da questo punto la strada è aperta al traffico, quindi rimanete alla vostra destra e pedalate in fila indiana. Si sale tra tratti rettilinei e curve fino ad incontrare alla vostra destra un primo hotel, si prosegue fino a trovare sulla vostra destra un secondo hotel curva stretta a destra e siete arrivati a Pregasina. Quì trovate una bella fontana che per tutto l’anno sgorga acqua freschissima. Sosta ristoratrice e il ritorno si effettua sul percorso fatto all’andata.

Merita sicuramente una particolare attenzione la discesa della “ponale”, basta scendere molto lentamente, io preferisco scendere in piedi cercando la traiettoria migliore, facendo particolare attenzione dove la pioggia accumula il sedime.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...