Prima tappa – Riva del Garda Rifugio Pernici – Garda Trek

Con questa tappa inizia il Garda Trek emozionante itinerario a piedi.

Parto una mattina sul presto vista la tappa che devo affrontare, devo arrivare al Rifugio Pernici. Conosco il Rifugio Pernici e il classico sentiero per arrivarci il 402 da Malga Grassi ma questa volta arriverò al rifugio da tutt’altra parte.

Da Riva del Garda prendo le indicazioni per il Bastione di Riva del Garda, facile da riconoscere è una torretta bianca che svetta sulla “Rocchetta” la montagna che sovrasta Riva del Garda. Il sentiero da seguire è il sentiero Sat 402. Salgo su fondo lastricato fino ad un bivio dove a sinistra si va al “bastione”, mentre io vado a destra. Inizio a camminare su fondo sterrato strada ben larga, fino ad arrivare ad un bivio, dove tengo a sinistra e salgo. La strada è cementata e in salita. Salgo e a destra e a sinistra trovo alcune case sono in località Maddalena. Proseguo sulla strada sterrata, la salita si fa sentire ma sapendo che la strada è lunga me la prendo con calma. Cammino immerso nel bosco e ci sono pochi posti per scattare delle foto al panorama circostante. Trovo solo un piccolo spazio a lato della strada cementata dove posso fare una foto a 360°, foto che merita sicuramente. Riparto e mi trovo alla mia sinistra il Torrione di San Giovanni. Proseguo sempre sul sentiero Sat 402 detto anche sentiero della pinza. La strada diventa sterrata ben curata tratto in leggera salita quindi diventa pianeggiante, poche centinaia di metri e a sinistra trovo il cartello che indica che devo girare a sinistra. Il sentiero è il numero 418. Il 418 è detto anche il sentiero dei Crazidei. Conosco il sentiero so come si sviluppa, quindi parto con calma. Il sentiero sale deciso lungo un versante della montagna, un sentiero stretto con curve e controcurve. Sentiero largo come due scarpe appaiate, quindi salgo con estrema calma e attenzione. E’ un sentiero percorribile ma con attenzione. Salgo e appena posso mi fermo per scattare una foto, foto che va dalla zona dell’Olivia di Arco fino al Monte Brione. Salgo e trovo sulla destra l’indicazione per andare a visitare un cimitero di guerra. Arrivo alla fine del sentiero e trovo il cartello che mi dice di seguire il sentiero Sat 413. In questo preciso punto arriva la “ferrata dell’Amicizia” spettacolare via attrezzata del Garda Trentino. Mi fermo solo per scattare una foto alla bandiera che si trova alla fine della ferrata all’arrivo. Proseguo sul sentiero per poi arrivare in una zona dove ci sono reperti storici della prima guerra mondiale, ben conservati e recuperati. Riprendo a salire e riprendo quota con un sentiero a tornanti stretti per poi affrontare un tratto in leggera discesa fino a giungere a Bocca Giumela a 1410 m. Cammino sul sentiero fino a giungere sulla strada sterrata strada che sale da Campi percorrendo la Val Mera. Cammino sulla strada sterrata larga per un centinaio di metri per poi riprendere a camminare su sentiero con fondo erboso e sassoso.  Mi trovo sempre sul sentiero Sat 413. Prossima meta è Bocca di Dromaè a quota 1693 m che raggiunge camminando su sentiero con fondo erboso e sassoso in leggera salita con panorama davvero bello sulla zona di Campi Tenno. Giunto a Bocca di Dromaè mi fermo per una sosta per ammirare il panorama e sono rapito dai prati e da quante api e farfalle ci sono. Riparto e il sentiero è in leggera salita quindi scende e arrivo a Bocca Saval a quota 1720 m. Nei tratti di sentiero tra Bocca Giumela e Bocca Saval è franato in alcuni punti quindi percorretelo con prudenza e cautela. A Bocca Saval proseguo sempre sul sentiero Sat 413. Manca poco al sentiero conosco questo tratto. Il sentiero che conduce al Rifugio Pernici si sviluppa lungo la costa della montagna, il sentiero alterna tratti pianeggianti a tratti in salita e perfino in discesa. Eccomi al rifugio dopo una bella camminata. Sono partito dal lago di Garda e ora mi trovo a 1600 metri di quota in montagna, che bello. Vengo accolto da Marco e dalla sua famiglia, Marco amico che conosco da tempo. Mi fermo con loro a mangiare, si mangia proprio bene.

La mappa e la traccia da scaricare le potete trovare quì.

http://www.gpsies.com/mapOnly.do?fileId=xyqfqeenehtxdisy

Annunci