Colle e chiesa di Sant’ Abbondio – Dro – trekking

L’itinerario proposto si trova nel comune di Dro. Dro è un paese che si trova sulla strada statale 45bis che da Riva del Garda porta a Trento. Seguendo le indicazioni per Dro si entra in paese e si arriva in Piazza della Repubblica dove si attraversa e si gira a sinistra in via Cesare Battisti, la si percorre seguendo le indicazioni per Oltra. Oltrepassate il bivio per la zona sportiva di Oltra, proseguite ancora alla vostra destra trovate l’ingresso per l’Hotel Eden e subito dopo alla vostra sinistra trovate un piccolo parcheggio. Si parcheggia la macchina al piccolo parcheggio a lato strada. L’escursione parte da questo punto, costeggiate il prato lato strada fino a trovare una stradina che entra verso le campagna, terminato il lato del parco, notate di fronte a voi un dosso. Come tutta la zona è stata interessata da varie glaciazioni; il dosso è un residuo roccioso di calcare grigio che ha resistito all’azione del ghiaccio. Si prende la stradina a lato del giardino dove ad angolo potete vedere la cappella della madonna Ausiliatrice posta nelle vicinanze di un ulivo secolare. Si sale su fondo sterrato nel bosco di lecci, ginepri e pungitopo. Ogni tanto quando la vegetazione lo permette potete scorgere il castello di Drena e in lontananza il castello di Arco. Ultima curva e di fronte a voi la chiesa di Sant’ Abbondio. Sul portale trovate la data del 1521, data di una ristrutturazione; al suo interno vi è un’ala unica, da notare l’abside affrescata con affreschi del XVI secolo. A Sant’ Abbondio è rivolto il Voto detto: “Voto dei 12 sabati o delle 12 croci”. Il Voto, sottoscritto il 1 Gennaio 1632 da “tutto il popolo a piena voce” nasce come riconoscenza verso Dio e a Sant’ Abbondio per aver preservato la Comunità di Dro e Ceniga dall’epidemia di peste del 1630, descritta dal Manzoni nei Promessi Sposi. Il Voto prevedeva che ad ogni primo sabato del mese per tutti i dodici mesi dell’anno l’astensione dal lavoro, una processione ed una santa messa nella chiesetta di Sant’ Abbondio. Donna Fior, nobil donna di Dro, lasciava la sua cospicua eredità per offrire: pane, vino, carne e minestra “ai poveri Cristi di Dro et Ceniga” di ritorno dalla processione medesima.  Il percorso di rientro s’effettua lungo il percorso di salita.

Come si raggiunge il Colle e la Chiesetta di Sant’ Abbondio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...